Stoviglie

Categoria: Archivio Cucina
Tag:
Condividi:

Sono gli accessori che non possono mancare in cucina, e che rappresentano la giusta “cornice” di una stanza (appunto la cucina), che deve essere arredata in modo accogliente e al tempo stesso funzionale. Bicchieri, pentole, piatti, posate: potete sceglierli nei colori e nelle forme più fantasiose e originali. Vediamoli insieme.

Piatti

Non servono solo a contenere il cibo, ma rivestono un ruolo importante nell’allestire una tavola che sia raffinata ed elegante. Se abbiamo in mente di organizzare una cena formale, non dobbiamo assolutamente trascurare alcune regole di galateo.

Una di queste è che esiste il piatto adatto per ogni portata. Riteniamoci ovviamente liberi di scegliere come vogliamo colori, forme e design, che dovranno però essere coordinati con la tavola e, perché no, con l’intero arredamento della stanza in cui si svolgerà la cena.

Il piatto fondo deve contenere zuppe, minestre e pasta. Addirittura esistono in commercio dei piatti molto simili a vere e proprie scodelle per contenere zuppe e minestre piuttosto liquide. La particolarità di queste “scodelline”è che sono munite di manici, che favoriscono l’impugnatura per bere all’interno.

Per alcuni potrà anche sembrare una trovata geniale, io personalmente ritengo sia poco elegante. Il piatto piano è adatto invece a contenere antipasti, carne e pesce, ovvero i “secondi”. In genere il piatto fondo viene appoggiato su quello piano, ma sono preferibili i sottopiatti veri e propri.

I piatti piani di piccole dimensioni servono invece per i contorni, la frutta o per i formaggi. Ed ovviamente anche per il dolce, per esempio torte e pasticcini.

I materiali con cui vengono costruiti i piatti vanno dalla tradizionale porcellana bianca al platino, ai materiali più originali e pratici. E’ ovvio che i servizi di piatti delle nostre nonne sono eleganti e bellissimi da esporre, ma molto delicati.

Oggi ci sono piatti eleganti anche in maiolica o plastica. Si può puntare su forme decisamente originali, come quella con gli angoli squadrati oppure ovale.

Se l’ambiente della casa è rustico, allora si possono scegliere maioliche colorate o dipinte a mano. Saranno perfette per creare un’atmosfera calda ed accogliente. In effetti sono i dettagli a fare la differenza, ma mi raccomando ad essere originali senza cadere negli eccessi.

Bicchieri

Anche per i bicchieri vale la regola vista per i piatti, ovvero che ogni bevanda richiede il “suo” bicchiere. Di sicuro ce ne siamo accorti durante un’occasione importante e formale, quando a tavola troviamo bicchieri con forme diverse.

In genere nel calice si versa il vino, nel bicchiere più grande e largo si versa l’acqua, nel flute si serve lo spumante nel momento del dolce. Addirittura possiamo operare un’ulteriore distinzione in base al tipo di vino che dobbiamo servire.

Per esempio, il vino bianco richiede un calice particolare, a forma di “tulipano”; se invece serviamo un vino rosso corposo, il bicchiere dovrebbe avere una forma aperta. In questo modo si esalta maggiormente l’aroma del vino.

I vini novelli si servono meglio nei calici con uno stelo lungo, in genere devono essere freschi. Per la loro forma i bicchieri sono di sicuro l’elemento che non bisogna trascurare in una tavola, se si vuole fare una bella figura!

Possiamo scegliere bicchieri in cristallo o in vetro che siano quindi trasparenti, mentre i bicchieri colorati non sono eleganti, in quanto nascondono la bevanda che si sta servendo.

Ci sono designers che propongono linee di bicchieri originali e nello stesso tempo molto pratiche. Basta sfogliare qualche catalogo, e si rimane stupiti della varietà di forme e colori per i servizi di bicchieri.

Ci sono anche alcuni pezzi unici da collezione, come i boccali di birra, che alcuni amano mettere in bella mostra nella loro casa, e che vanno bene soprattutto negli ambienti rustici. “Patria” della lavorazione artigianale del vetro è Venezia, famosa fina dal ‘700 per i bicchieri finemente decorati e lavorati in stile barocco.

Ancora oggi, se vi capita di passeggiare per le strade della caratteristica città lagunare, trovate ancora laboratori artigianali di vetro le cui creazioni, splendide, vi lasceranno a bocca aperta.

Posate

In genere alle posate si richiede innanzitutto che siano maneggevoli e pratiche. Per questo si prediligono forme lineari e uno stile minimalista. Il materiale più usato è sicuramente l’acciaio. Ma per tavole “preziose” e per le occasioni importanti dobbiamo scegliere modelli più decorati e che siano esteticamente impeccabili.

Per esempio, ci sono set di posate decorate sui manici o all’interno, e che non passano inosservate. Ma se volete puntare sulla semplicità e sull’eleganza, allora il consiglio è di andare alla ricerca di forme particolari e geometriche, che renderanno la vostra tavola di sicuro effetto! Badate sempre che le posate siano di acciaio inox, perché non si arrugginiscono e resistono bene ai lavaggi frequenti in lavatrice.

Anche sulle posate i designers si sono divertiti a creare effetti particolari, per cui c’è davvero l’imbarazzo della scelta di fronte a set di posate tondeggianti, con spigolature, rivestite di oro o colori, ecc.

Da tener presente che le posate sono accessori che conferiscono un tocco di originalità e ricercatezza alla tavola, per cui bisogna scegliere modelli nuovi e materiali innovativi. Ovviamente mettendo in debito conto che dopo qualche anno possano passare di moda, lasciando il passo ad altri modelli e materiali.

Volete sapere il nome di qualche marca che si distingue per la produzione di posate? Vi dice qualcosa Lagostina, Abert, Mono? Se andate in un negozio di oggettistica procuratevi i rispettivi cataloghi e.. buona scelta!

Volete inoltre qualche regoletta al volo presa in prestito dal galateo circa l’uso delle posate? Allora: non portate mai le posate da dessert prima di aver servito il dessert stesso; le forchette devono essere sempre dello stesso numero dei coltelli; se dovete servire del pesce, procuratevi le posate adatte per far sì che possa essere pulito. E poi mi raccomando, non lasciate mai le posate incrociate nel piatto dopo aver finito di mangiare.

Pentole

Le pentole sono “attrezzi” del mestiere, servono alle donne per sfoggiare le loro prodezze in cucina. Ma non solo: oggi la moda del momento prevede forme e colori belli da vedere anche per le pentole.

D’altronde se all’utile possiamo unire il dilettevole (in questo caso il gusto estetico) che male c’è? La qualità dei materiali utilizzati per le pentole è molto migliorata, la maggior parte di queste sono antiaderenti, con colori e vernici assolutamente non tossici, e resistenti alle alte temperature. Vediamo quali sono le pentole più usate in cucina, e a cosa serve ognuna di esse. La padella serve per cuocere fritture o altro, in genere è antiaderente, in ferro.

Ci sono padelle piccole, medie e di grandi dimensioni. La classica pentola può essere in alluminio o acciaio inox, anche questa piccola, media o grande. I tegami possono avere forme diverse (tonda, rettangolare), ed essere utilizzati sia sul fuoco che nel forno.

Il materiale con cui vengono prodotti può essere alluminio o rame. Poi c’è la casseruola, che può essere in alluminio o acciaio inox, e di varia altezza. Per cucinare il pesce è adatta la cosiddetta “pesciera”, ovvero una pentola con una griglia e di forma piuttosto allungata. E’ preferibile scegliere pentole in acciaio, in quanto sono robuste e non si rovinano facilmente. Unico difetto di questo materiale è che non trasmette in modo ottimale il calore.

Anche il rame è un buon materiale, ma le pentole costruite in questo materiale costano parecchio. Il materiale antiaderente è quello che non può mancare, in quanto facile da pulire, e poi fa sì che il cibo non si attacchi.

Le pentole in terracotta sopportano alte temperature e possono stare sulla fiamma, ma a volte capita che il sapore dei cibi si alteri. Infine ci sono le pentole in ghisa, per la verità non molto utilizzate perché troppo delicate, assolutamente non adatte per chi desidera oggetti funzionali e pratici.

Un po’ di galateo non guasta

Soprattutto in occasione delle festività o quando la ricorrenza lo richiede, la tavola va apparecchiata con qualche accorgimento in più. Inoltre il bon ton a tavola è sempre gradito, aldilà del paese e del posto in cui ci si trova. Non a caso Monsignor Giovanni Della Casa scrisse “Il Galateo” per divulgare le regole della buona educazione anche a tavola.

Ed anche se questo suo scritto risale alla metà del ‘500, è ancora modernissimo e adatto ai nostri giorni. Lo sapevate per esempio che devono essere servite prima le donne? La padrona di casa potrà essere servita per ultima, come anche il padrone di casa maschio.

Il pane si serve a tavola prima di cominciare a mangiare, e non va messo al centro della tavola, bensì in un piccolo piatto a sinistra di ogni invitato. I vassoi si devono porgere da sinistra, e si tengono leggermente sollevati.

I bicchieri vanno riempiti di acqua prima che tutti gli ospiti si siedono a tavola. Al padrone di casa spetta servire il vino, dopo aver finito gli antipasti. I bicchieri vanno riempiti di vino sempre a metà. Anche per quanto riguarda la scelta dei posti a tavola, ci sono alcune regole da seguire.

Nei posti bisogna rispettare l’alternanza tra uomini e donne, e poi in genere i padroni di casa siedono sempre a capotavola. Se state allestendo una tavola per le grandi occasioni, occhio alla scelta della tovaglia.

Non la scegliete dai colori troppo accasi e vivaci, è consigliabile che sia bianca, color panna o ocra, di raso. In questo modo saranno messe in risalto le eventuali decorazioni che vorrete aggiungere (per esempio candele centrotavola o fiori).

Per dare maggiore risalto anche alle bevande, utilizzate delle caraffe sia per l’acqua che per il vino. Se avete tempo a disposizione e un po’ di fantasia potete personalizzare la tavola con allegri segnaposto.

Alcuni marchi di stoviglie

Se state arredando la vostra casa, e volete dare un tocco di originalità scegliendo le stoviglie più alla moda, allora dovete fare un salto al punto vendita “Ikea” a voi più vicino. Qui troverete tante idee per l’arredamento della vostra cucina, compresi gli accessori dalle linee eleganti ed essenziali. Se volete avere un’idea di quello che troverete, consultate il sito ufficiale www.ikea.com.

Un’azienda “storica” specializzata nella produzione di accessori per la cucina è “Guzzini”. L’azienda dei fratelli Guzzini, che è nata nel 1912, ha saputo adattarsi nel tempo ai nuovi materiali e forme, realizzando accessori in plastica dal design moderno ed innovativo.

I materiali utilizzati sono qualitativamente ottimi, e la qualità ha saputo ben sposarsi con l’innovazione tecnologica. Se volete visionare il catalogo dei prodotti, collegatevi al sito www.fratelliguzzini.com.

Passiamo ora al marchio “Alessi”, che di sicuro molti di voi conosceranno. L’azienda è specializzata nella creazione di oggetti per i vari ambienti della casa. Alessi è sempre alla ricerca di forme e materiali innovativi, per realizzare accessori originali ed impeccabili dal punto di vista estetico. Ovviamente non trascurandone la funzionalità e la praticità. I colori nuovi e moderni delle collezioni vi stupiranno. Il sito è www.alessi.it .

Vi consigliamo di visionarlo, perché troverete idee originali anche per la vostra eventuale lista di nozze. Per quanto riguarda le pentole, ma anche gli accessori, Lagostina è un’azienda rinomata, la cui qualità dei prodotti è ampiamente riconosciuta.

Collegandovi al sito www.lagostina.it potete visionare il catalogo, e soffermarvi sui singoli accessori che vi interessano. Se state cercando pentole di qualità ma a prezzi non eccessivi, le batterie di pentole Lagostina fanno proprio per voi! Ovviamente ci sono offerte ed agevolazioni per le liste nozze.

Un altro marchio che ci sentiamo di consigliarvi è “Tefal”. Un ottima azienda che produce pentole, ma anche accessori per cucina ed elettrodomestici. Visionate le varie categorie di prodotti sul sito www.tefal.it.

Publicato: 2010-04-03Da: Redazione

Potrebbe interessarti

La scienza e l'arte delle creme corpo per le donne

Questo articolo approfondisce il mondo delle creme di bellezza per il corpo per le donne, esplorando metodi dermatologicamente testati, vantaggi, rischi potenziali e chiavi per comprendere le tendenze geografiche di utilizzo.

2024-06-26Redazione

L'ascesa delle creme di bellezza per il corpo maschile: vantaggi, rischi e innovazioni

Esplora il mondo in evoluzione delle creme di bellezza per il corpo maschile, descrivendo in dettaglio metodi, trattamenti dermatologicamente testati e le ultime innovazioni sul mercato. Comprendi le tendenze regionali e le migliori offerte disponibili.

2024-06-26Redazione

Esplorando il mondo delle creme di bellezza per il viso per le donne: vantaggi, rischi e ricerca emergente

Questo articolo approfondisce il regno sfaccettato delle creme di bellezza per il viso per le donne, esaminando metodi dermatologicamente testati, descrivendo dettagliatamente benefici e potenziali effetti collaterali ed esplorando nuove ricerche e tendenze di mercato.

2024-06-26Redazione

Svelare i segreti delle creme per il viso da uomo: vantaggi, svantaggi e ricerche emergenti

Scopri come le creme di bellezza per il viso per uomo stanno plasmando la moderna cura della pelle, i loro metodi dermatologicamente testati, i vantaggi e gli svantaggi, insieme a nuove e convincenti direzioni di ricerca.

2024-06-26Redazione