Idropittura

Categoria: Archivio Casa
Tag:
Condividi:

Per tinteggiare le pareti della nostra casa l’idropittura è una soluzione pratica, conveniente ed interessante. L’ampia gamma di prodotti presente sul mercato consente di individuare soluzioni ad hoc per tutte le esigenze e gli ambienti, per risultati dalla sorprendente qualità.


Che cos’è ?

Nonostante il nome possa non essere familiare a tutti, l’idropittura è tra le tipologie di pittura più diffuse per tinteggiare le pareti domestiche. L’ideale per il fai da te.

Molti conosceranno le tempere, utilizzate per superfici meno a vista ed ambienti “riservati” come cantine o garage. Si tratta di una tipologia di pittura più economica, che con il tempo tende a rovinarsi e richiede, per ogni nuova mano, di rimuovere la vernice residua.

Quali sono i vantaggi dell’idropittura rispetto alle tempere? Ma soprattutto, cos’è l’idropittura? Molti di noi conoscono l’idropittura semplicemente come pittura, non frequentando negozi specializzati o non essendosi mai cimentati in un’operazione di tinteggiatura. Eppure le idropitture sono tra le tipologie di vernici più diffuse sul mercato.

L’idropittura è una tipologia di pittura che richiede la diluizione in acqua prima dell’uso. Si acquista generalmente bianca e concentrata, mentre per ottenere i diversi colori si aggiungono spesso piccole quantità di colore durante il processo di diluizione.

Sul retro del barattolo è solitamente riportata la quantità d’acqua necessaria alla diluizione, che può variare anche in rapporto al mezzo utilizzato nella tinteggiatura. Si raccomanda, in ogni caso, di valutare in fase preliminare la quantità di pittura che andremo ad utilizzare, poiché la pittura diluita non può essere conservata per troppo tempo.

L’idropittura colorata è preparata con appositi tintometri dai colorifici. Quella bianca può avere differenti “punti di bianco”, dal bianco puro sino a tonalità avorio o più “sporche”.

L’idropittura è costituita da cariche, pigmenti, additivi, antimuffe, addensanti e resine. Tra le resine si impiegano soprattutto le resine acriliche o le resine da esse derivate, mentre un’alternativa sono i polivinilacetati, polimeri ricavati dall’acetato di vinile.

Tra i pigmenti, il più utilizzato è il biossido di titanio, cui si ricorre per ottenere il bianco.Con le idropitture saremo inoltre in grado di produrre diversi “effetti speciali”: dallo stile rustico al bucciato o al graffiato, grazie anche alla presenza di particolari addensanti.Impariamo ora a conoscere le diverse tipologie di idropittura.

Tipologie

Le idropitture sono solitamente classificate in poche tipologie base. Eccole qui:

  • Traspirante: si utilizza per ambienti molto soggetti a formazione di condensa, quindi particolarmente umidi. Offre adesione e traspirabilità, ed impedisce il formarsi di muffe. E’ consigliata per tinteggiare gesso, stucco, cemento e intonaco di bagni, cucine, soffitti e pareti soggette a vapori acquei.
  • Lavabile: può andar bene per qualsiasi ambiente della casa, e garantisce alle pareti resistenza allo sfregamento e un piacevole aspetto vellutato. E’ perfettamente lavabile anche con un semplice panno inumidito, idrorepellente ed a elevata copertura. Particolarmente utilizzata per le tinte forti o i locali di prestigio. Si applica su gesso, cartongesso e svariati tipi di supporti a base cementizia. E’ composta da resine acriliche in emulsione, cellulose, battericidi e pigmenti pregiati dalla resistenza elevata.
  • Superlavabile: coniuga i tanti vantaggi dell’idropittura lavabile con un elevato potere coprente, unito a una grande resistenza al lavaggio ed allo sfregamento. Al contrario dell’idropittura lavabile, non adatta ad ambienti esposti agli agenti atmosferici, la superlavabile è utilizzabile per le pareti esterne, garantendo anche una buona idrorepellenza.
  • Igienizzante: è a base di resine acriliche e svolge un’azione igienizzante e antimuffa. Si utilizza normalmente per tinteggiare le pareti di locali pubblici, scuole ed ospedali, mentre in casa è da raccomandare nel caso di allergie.
  • Termoisolante o idropittura termica: come suggerisce il nome, consente una trasmissione termica molto ridotta grazie alla presenza nel composto di microsfere cave di vetro. Questa tipologia di idropittura evita anche la formazione di condense, ovvero di vapore acqueo concentrato nei punti esposti a nord o negli angoli della casa, sui quali tendono a svilupparsi batteri e muffe. L’idropittura termoisolante mantiene calde le pareti riducendo lo sbalzo termico tra l’interno e l’esterno, nell’ottica di un risparmio energetico maggiore. E’ molto adatta ad ambienti in cui tende a formarsi vapore.

Preparare le pareti

Tinteggiare la casa: croce e delizia dell’hobbista. In tanti, prima o poi, si saranno imbattuti in quest’esigenza, preoccupandosi di vagliare una serie di possibilità per la scelta della pittura giusta da utilizzare.

Dipingere le pareti di una casa, infatti, non significa soltanto possedere buona manualità, ma anche imparare a “leggere” gli ambienti, cercando di identificare la tipologia di pittura più adatta alle nostre esigenze ed alle necessità dell’ambiente.

Per questioni di praticità la soluzione ideale per le nostre esigenze può rivelarsi l’idropittura. Ottima coprente, di lunga durata, difficilmente attaccabile dallo sporco, facile da lavare. Tuttavia, prima di dipingere, dovremo preoccuparci di predisporre adeguatamente le pareti, affinché il nostro intervento sia realmente efficace. Scopriamo come.

Si cominci togliendo tutte le eventuali tende, e coprendo i mobili con teli protettivi, meglio se in plastica. Tutti i mobili, per una questione di praticità, andranno ammassati al centro della stanza.

Se in alcune aree delle pareti è presente muffa, disinfettiamo con della candeggina almeno un giorno prima, lasciando asciugare bene. E stando attenti a non respirare i vapori tossici della candeggina. Altra possibilità, se la muffa è relativamente poco estesa, è quella di raschiarla con una spatola, per poi ricorrere a degli spray antimuffa.

Quindi, il giorno stabilito per l'”opera”, si passa ad occuparsi delle pareti. A seconda della tipologia di pittura utilizzata, infatti, potrebbe essere necessario lisciare o trattare le pareti in modo adeguato.

Ci sono idropitture che consentono di operare direttamente “a freddo”, risparmiandoci operazioni preliminari. Prestiamo comunque attenzione anche alle prese della luce, da coprire con nastro adesivo, ed ai pavimenti pregiati, come i parquet. Il nastro-carta va passato anche su telai di porte, battiscopa o finestre, sempre per evitare macchie.

Quando i muri da tinteggiare sono già colorati, verifichiamo che la tinta che stiamo utilizzando sia compatibile con quella presente sulla parete: se una parete è già dipinta ad idropittura possiamo tranquillamente dipingerci su, mentre ad esempio nel caso di presenza di tempera potrebbe essere necessaria una carteggiatura accurata della parete o una levigatura per eliminarne ogni traccia.

Quando poi pensiamo di voler dipingere su della carta da parati, preoccupiamoci che sia in buone condizioni, per non andare incontro a spiacevoli sorprese. Rimuovere la carta da parati sarà possibile grazie a prodotti specifici che ci permetteranno di strapparla senza difficoltà.

La presenza di buchi o crepe, invece, richiederà una semplice passata preliminare di stucco.

Dipingere le pareti

Fatto quanto indicato in precedenza si passa finalmente alla fase “operativa”. Prima fondamentale operazione da compiere sarà la preparazione del fondo. Un buon fondo, infatti, servirà per ottimizzare la resa della tinta scelta e facilitare il processo di tinteggiatura.

Il fondo si stende utilizzando un apposito fissativo, da stendere sull’intera superficie da pitturare. Sarà bene anche ricorrere ad un liquido isolante, per evitare formazioni di salnitro.

Una volta completata la fase preliminare di trattamento si può procedere con la vera e propria tinteggiatura, applicando il colore. Il colore, accuratamente diluito in precedenza, andrà passato sulle superfici da dipingere per tre volte. Solitamente per le prime due “mani” si utilizzerà una pittura leggermente più diluita.

Utilizzando quali pennelli? Diverse sono le opzioni. Anzitutto possiamo imbiancare a pennello, utilizzando la cosiddetta pennellessa. Ci basterà, per superfici non troppo estese con pareti regolari, una pennellessa larga più o meno 15 cm, supportata da una pennellessa più piccola per le rifiniture o i bordi.

Per le pareti “difficili”, ad esempio le porzioni dietro ai caloriferi, si ricorra a pennelli ricurvi. Stiamo attenti anche alla scelta della qualità del pennello, da valutare in rapporto alle setole e ai manici.Con la pennellessa si dipinge partendo dal soffitto e procedendo per piccole porzioni dall’alto verso il basso.

Seconda possibilità è l’utilizzo del rullo, da maneggiare con un manico di prolunga. Anche qui si procede imbiancando a piccole porzioni. Per le rifiniture si utilizzano rulli più piccoli.

Prima dell’acquisto, in ogni caso, teniamo in considerazione le dimensioni dell’ambiente da tinteggiare. Terza soluzione sono le pistole a spruzzo o i rulli dotati di un serbatoio-manico, da utilizzare però con cautela per evitare danni o imprevisti.

Qualsivoglia sia la soluzione scelta, lavoriamo sempre di giorno, cercando di finire il lavoro per zone ed evitando sgocciolature. Per l’asciugatura saranno necessarie alcune ore, dopodiché potremo procedere con la mano successiva.

Suggerimenti per l’acquisto e l’uso

Nell’acquistare il nostro barattolo di idropittura preoccupiamoci di leggere l’etichetta, su cui è indicato il peso del fusto, il tempo di asciugatura e le giuste proporzioni per diluire la pittura, oltre ad un’altra serie di utili informazioni.

In ogni caso non risparmiamo le domande al negoziante o al personale specializzato, chiedendo anche lumi sulla lavabilità, sulla resistenza all’umidità, alla luce ed agli alcali.

Sul mercato troveremo una gamma molto ampia di pitture, sia per interni che per esterni. Prestiamo attenzione anzitutto a questo fattore, per non ritrovarci con un acquisto sbagliato.

Valutiamo poi il tipo di lucentezza che vogliamo renda la nostra pittura, meglio se osservando una parete già tinteggiata. Ci sono varie tipologie in tal senso, dalla pittura opaca, non riflettente, a quella a guscio d’uovo, sino alla pittura satinata, molto facile da pulire, alla semipatinata ed alla patinata, più lucente.

Osserviamo accuratamente lo schema dei colori delle idropitture, cercando di immaginare la nostra parete già tinteggiata con il colore da noi individuato. L’ideale sarebbe poter osservare il colore nelle diverse condizioni di luce, sia naturale che artificiale. Teniamo conto anche del fatto che ogni colore ha una propria resa per una certa tipologia di ambiente.

Quindi…non acquistiamo subito! Ricordiamo anche che ogni colore, rispetto al campione, potrà avere su parete una resa più o meno fedele. Una nota anche per quel che riguarda le quantità: portiamo con noi, al momento dell’acquisto, indicazioni sulle dimensioni delle stanze da tinteggiare, per offrire agli addetti una chiara visione delle superfici da verniciare.

Questo permetterà loro di suggerirci la giusta quantità di pittura da acquistare. Per chi non fosse ancora dotato di applicatori, ricordiamo che le soluzioni sono molteplici: si va dai pennelli ai rulli, sino ai pennelli a cuscinetto.

Anche qui, facciamoci consigliare e cerchiamo di provare personalmente. Prima dell’apertura del barattolo preoccupiamoci poi di agitarlo adeguatamente.E al momento della diluizione dell’idropittura impariamo a guardare le percentuali.

Diluizione 10%, ad esempio, indica una proporzione 1 a 10 (es: 10 litri di pittura ed 1 di acqua). Si utilizzeranno ovviamente, durante il processo, due secchi. Non diluiamo la pittura direttamente nel barattolo della vernice, per non ritrovarci con troppa pittura diluita che poi non utilizzeremo.

Mentre diluiamo, mescoliamo con un bastoncino per rendere la pittura omogenea: il punto sarà giusto quando, intingendo il pennello, cadrà da quest’ultimo un filo di pittura sottile e continuo.

Aziende produttrici

Nel 1895 l’imprenditore MaxMeyer fonda il Colorificio Italiano che porta ancora il suo nome da più di un secolo. L’azienda, con sede a Novate Milanese (MI), produce vernici e pitture per l’edilizia, smalti, fondi e idropitture.

L’ampia gamma di prodotti, presentata anche sul sito web, include numerose idropitture lavabili e traspiranti, inclusa la tipologia superlavabile antimuffa, tintal acrilica resistente alla saponificazione e Max, ad elevatissima copertura.

Forte di oltre mezzo secolo d’esperienza Duco è un’importante realtà nel panorama italiano delle idropitture. Si tratta di un brand del gruppo Materis, dall’ampio portafoglio di marchi e attivo in tutta europa.

Punta di diamante di Duco è Ducotone, nata come prima idropittura vinilica lavabile. Oggi l’azienda offre una dettagliatissima gamma di prodotti, che spaziano dalle idropitture lavabili alle vernici per legno, passando per le pitture murali e i prodotti a calce.

La Boero è un’azienda Italiana dalla storia più che secolare. E’ nel lontano 1831 che Bartolomeo Boero acquista una fabbrica per produrre biacca in polvere. La storia della Boero si consolida con gli anni sino a raggiungere l’attuale leadership nei settori della Grande Distribuzione e della Rivendita Edilizia.

Tra i prodotti boero un’ampia linea di smalti, prodotti antiruggine, coloranti, diluenti e vernici. L’azienda produce idropittura lavabile del tipo traspirante per interni, caratterizzata da un ottimo potere coprente e dalla facile applicazione.

La storia della Paramatti Vernici ha radici antiche. E’ il lontano 1870 quando l’azienda muove i primi passi, consolidando negli anni la propria leadership. Di recente l’azienda diviene parte del grande gruppo J COLORS SpA, un tempo Junghanns Chimica Vernici.

I prodotti Paramatti includono un’ampia gamma di fondi, smalti, antiruggini, sanificanti, idropitture, coloranti, rivestimenti murali, polveri, linea legno e prodotti specifici per l’industria o per gli hobbisti. Molto ampia la scelta di idropitture, dalle superlavabili agli acrilici ad elevata copertura, sino alle idropitture opache o traspiranti.

Publicato: 2010-04-03Da: Redazione

Potrebbe interessarti

La scienza e l'arte delle creme corpo per le donne

Questo articolo approfondisce il mondo delle creme di bellezza per il corpo per le donne, esplorando metodi dermatologicamente testati, vantaggi, rischi potenziali e chiavi per comprendere le tendenze geografiche di utilizzo.

2024-06-26Redazione

L'ascesa delle creme di bellezza per il corpo maschile: vantaggi, rischi e innovazioni

Esplora il mondo in evoluzione delle creme di bellezza per il corpo maschile, descrivendo in dettaglio metodi, trattamenti dermatologicamente testati e le ultime innovazioni sul mercato. Comprendi le tendenze regionali e le migliori offerte disponibili.

2024-06-26Redazione

Esplorando il mondo delle creme di bellezza per il viso per le donne: vantaggi, rischi e ricerca emergente

Questo articolo approfondisce il regno sfaccettato delle creme di bellezza per il viso per le donne, esaminando metodi dermatologicamente testati, descrivendo dettagliatamente benefici e potenziali effetti collaterali ed esplorando nuove ricerche e tendenze di mercato.

2024-06-26Redazione

Svelare i segreti delle creme per il viso da uomo: vantaggi, svantaggi e ricerche emergenti

Scopri come le creme di bellezza per il viso per uomo stanno plasmando la moderna cura della pelle, i loro metodi dermatologicamente testati, i vantaggi e gli svantaggi, insieme a nuove e convincenti direzioni di ricerca.

2024-06-26Redazione