Come giocare al lotto

Categoria: Archivio Consigli utili
Tag:
Condividi:

Il gioco

Il gioco del Lotto è un gioco d’azzardo, il più diffuso e anche il più giocato nel nostro paese. L’Italia vanta moltissimi giochi del genere, molto apprezzati dal popolo italiano, che ama sfidare la sorte, in diversi modi possibili: abbiamo il Superenalotto, figlio del gioco del Lotto, che è quello che attualmente attira più giocatori, soprattutto per la sua possibilità di vincere cifre da capogiro. Non è un caso se proprio da questo gioco arrivano i Jackpot da record che fanno impazzire il popolo di giocatori.

Apprezzato, recentemente, anche Win for Life, sempre un gioco che prevede di indovinare una certa serie di numeri estratta, che però permette di vincere una rendita annuale, per il resto della nostra vita: una nuova possibilità per sfidare la sorte, cercando di cambiare radicalmente la propria vita, con una vincita che sistemerebbe per sempre ognuno di noi. Il Lotto rimane comunque uno dei preferiti dagli italiani.

Esistono delle leggi particolari che regolano il gioco del Lotto e in generale tutti gli altri concorsi a premi gestiti dallo stato. In particolare, del Lotto si occupa il Ministero delle Finanze, attraverso l’Ispettorato Generale per il Lotto e le Lotterie, con la sua Direzione Generale delle Entrate Speciali. Le regole alle quali deve sottostare sono la legge n. 528 del 2 agosto 1982 e il Decreto del Presidente della Repubblica n. 560 del 16 settembre 1996 .La parola Lotto deriva dal termine francese “Lot”, che significa sia “porzione”, sia “sorte”.

Il termine “lotir” significa poi “dividere la sorte”: da qui probabilmente arriva il termine Lotto, che altro non è che un modo per dividere la sorte (o possibilmente non dividerla, vincendo tutto il possibile!), cercando di indovinare i numeri che vengono estratti ogni settimana, per tre volte in totale, portandosi a casa la vincita prevista, che viene calcolata in base a come si è deciso di giocare per ogni estrazione e a quanti numeri sono stati indovinati.

Storia del lotto

Per quanto riguarda le origini del giocare al Lotto, i pareri sono decisamente discordanti, anche perchè i giochi d’azzardo che possono essere considerati come gli antenati di quello che siamo abituati a conoscere noi, sono davvero molti.Si dice che il primo gioco del genere porti la data del 1448, quando a Milano c’erano le borse di ventura, scommesse analoghe al nostro Lotto.

Sappiamo anche che nel 1588 a Genova c’era uno statuto che proibiva questa tipologia di gioco, per alcune scommesse, riguardanti, ad esempio, la vita del Papa, dell’imperatore, del re, dei cardinali, ma anche sulla vittoria degli eserciti in guerra, o sui matrimoni, sulle elezioni e sulla peste: su tutte queste tematiche non si poteva scommettere, mentre si poteva fare le proprie scommesse su tutto il resto, anche se i regolamenti cambiavano nei diversi Stati che formavano il nostro stivale.

Le prime regolamentazioni sul Lotto, portano la data del 1620, proprio a Genova, dove si poteva fare questo gioco, mentre in altre città italiane non si poteva, perchè considerato come un gioco immorale, che non doveva essere proposto alla popolazione. Pian piano, comunque, il gioco del Lotto si espande in tutto il nostro paese: la data nella quale ormai si gioca ovunque è quella del 1863, quando esistono 6 ruote (Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Torino, Venezia).

Nel 1871 le ruote aumentano a 7, con l’aggiunta di Roma, mentre diventeranno 8 nel 1874, con l’arrivo di Bari. Nel 1939 avremo la struttura a 10 ruote, con Cagliari e Genova, mentre la ruota nazionale viene introdotta il 4 maggio del 2005. All’inizio della storia del Lotto le estrazioni erano ridotte a poche all’anno, giusto un paio o tre, fino a diventare quindicinali nel 1807, settimanali nel 1871, bisettimanali nel 1997, mentre le trisettimanali vengono introdotte nel 2005. Attualmente le estrazioni sono ancora tre.

Come si gioca

Giocare al Lotto e cercare di vincere dovrebbe essere semplice per chi è fortunato, grazie anche all’aumento del numero delle estrazioni, che attualmente sono tre: i numeri, come quelli del Superenalotto, vengono estratti nella serata del martedì, del giovedì e del sabato. Giocare al lotto significa indovinare i numeri che escono su diverse ruote, alle quali corrispondono dieci città italiane: solamente la città di Roma è collegata a due ruote, la ruota di Roma, per l’appunto, e la ruota nazionale.

Per ogni ruota si estraggono cinque numeri: un numero, una volta uscito nella città di appartenenza, non viene reintrodotto nell’urna. I numeri vengono estratti in contemporanea nelle 10 città scelte: abbiamo la città di Bari, di Cagliari, di Firenze, di Genova, di Milano, di Palermo, di Roma, di Torino e di Venezia. Le estrazioni avvengono ogni martedì, ogni giovedì e ogni sabato alle ore 20, contemporaneamente.

Per chi desidera giocare al lotto dovrebbe scomettere di indovinare i numeri che usciranno in ogni estrazione: si può decidere di puntare varie somme di denaro sui numeri che usciranno su ogni singola ruota, su più ruote scelte oppure su tutte le ruote previste, aumentando le possibilità di indovinare la cinquina corretta, ma diminuendo l’ammontare della vincita.

Per ogni ruota vengono estratti cinque numeri, che sono compresi tra l’1 e il 90: un po’ come avviene per la Tombola e, effettivamente, il giocare al Lotto assomiglia molto a questo gioco da tavola, che siamo soliti tirare fuori in occasione delle feste comandate trascorse in famiglia o con gli amici. L’urna utilizzata per l’estrazione è meccanica, in grado di mischiare le palline attraverso un getto d’aria compressa. Una nicchia rotante posta ai bordi dell’urna permette di catturare le palline, che vanno a formare poi le serie che permetteranno a qualche fortunato vincitore di portarsi a causa gli euro messi in palio ogni volta.

Quando si vince al lotto

Al Lotto si vince quando si indovinano i numeri che vengono estratti per ogni ruota. Ci sono diverse modalità di vincita e i premi variano a seconda della somma scommessa e della metodologia fissa: la somma che il vincitore si porta a casa è pagata con una quota fissa e viene calcolata in base al numero di cifre indovinate, a che cosa si è giocato e a quanti numeri erano in gioco.

Diverse le possibilità di vittoria. Potete sperare nell’estratto semplice o l’ambata, cioè un solo numero. Poi c’è l’estratto determinato, per vincere indovinando un numero e l’esatta posizione nella quale questo verrà estratto. E poi ci sono tutte le combinazioni di numeri: c’è l’ambo (quando si indovinano due numeri), il terno (quando si indovinano tre numeri), la quaterna (quando si indovinano quattro numeri) e la cinquina (quando vengono indovinati cinque numeri).

Ogni giocatore, su ogni scheda, può giocare fino a 10 numeri. Le possibilità di vincita (che sono proporzionali alle modalità con le quali si decide di giocare e a come viene giocata la schedina) possono essere anche molto alte. La probabilità che esca un numero su una singola ruota è di 1 su 18: la vincita pagata da Lottomatica equivale a 11,232 volte la posta giocata (bisogna però detrarre il 6 per cento della tassazione prevista per questo gioco).

Le possibilità di indovinare più numeri sono le seguenti: la probabilità di indovinare due numeri è di 1 su 400,5, tre numeri è di 1 su 11.748, quattro numeri è di 1 su 511.038, cinque numeri è di 1 su 43.949.268. Se il Superenalotto ci ha abituato a vincite milionarie, anche il Lotto non scherza: la somma più alta mai vinta nel nostro paese con questo gioco è stata di 3.069.500 euro, per una cinquina indovinata nel gennaio del 2007 a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina.

Previsioni lotto

Esistono diverse teorie che permettono di ipotizzare i numeri che usciranno nelle varie estrazioni del Lotto, che però non trovano fondamento dal punto di vista matematico, non essendo l’estrazione del Lotto un evento che si possa prevedere con matematica e assoluta certezza.

Abbiamo, ad esempio, la teoria della probabilità, che può essere applicata a diversi tipi di scommesse. Bisogna ricordare, però, che tra le varie estrazioni non c’è connessione: ognuna è a se stante. La matematica, dunque, non può venire in nostro soccorso, se non con le teorie dei grandi numeri. Prevedere con queste teorie l’uscita dei prossimi numeri è pressocchè impossibile, dal momento che per ogni estrazione ogni numero ha una probabilità di uscire pari a 5 su 90, ovvero 1 su 18. Anche la teoria dei numeri ritardatari, alla quale molti si appellano, è dunque priva di fondamento: se un numero non esce da un tot di estrazioni, non è detto che sia destinato ad uscire. Eppure sono in molti ad appellarsi a questa teoria, giocando anche somme elevatissime sui numeri che da moltissimo tempo non vengono estratti.

La cronaca ci racconta anche di moltissimi debiti accumulati proprio per seguire queste teorie: qualcuno è anche arrivato al suicidio, perchè non più in grado a far fronte a tutti questi debiti insoluti.Teorie matematiche non possono essere applicate alle estrazioni del Lotto, perchè come ricordano in molti, anche su internet, non si tratta di eventi matematici, possibili da prevedere. In questo caso ci si deve appellare alla Dea Bendata: sperando che quando decidiamo di giocare la nostra schedina, il destino voglia regalarci una vincita, grossa o piccola che sia.

Le varie teorie di previsione del lotto proposte, come quella delle probabilità e quella dei numeri ritardatari, lasciano dunque il tempo che trovano: meglio ricordare che si tratta pur sempre di un gioco e giocare quindi responsabilmente, secondo le proprie possibilità, per evitare spiacevoli sorprese.

Dove giocare e come riscuotere la vincita

Si può giocare al Lotto nelle 34.000 ricevitorie autorizzate presenti sul territorio nazionale: le piccole somme andranno ritirate dove si è giocato (regola che non vale se giocate in una delle ricevitorie presenti nelle stazioni o negli aeroporti), mentre per le vincite più alte ci sono modalità differenti per la riscossione del premio.

Veniamo ai premi. Per quanto riguarda la riscossione delle vincite, esistono modalità diverse a seconda della somma portata a casa. Fino a 2.300 euro, potrete ritirare la vostra vincita direttamente in ricevitoria, con lo scontrino della giocata vincente. Fino a 10.500 euro, invece, il premio verrà pagato direttamente da Lottomatica: bisogna prenotare la vincita in ricevitoria, lasciando i propri dati e fornendo le informazioni inerenti al pagamento (potrete riscattare la vostra vincita con conto corrente bancario, conto corrente postale o presso gli sportelli della Banca Intesa).

Se siete fortunati e avete una vincita superiore, allora bisognerà presentare lo scontrino presso uno sportello della Banca Intesa o presso l’Ufficio al Pubblico di Lottomatica in Via del Campo Boario 56/d 00154 – Roma, con un documento di identità valido e codice fiscale: dovrete compilare un modulo e scegliere la modalità di pagamento preferita. Qualsiasi sia l’importo della vincita, potrete chiedere la vostra somma entro 60 giorni dalla data ufficiale di affissione del Bollettino delle vincite in ricevitoria.

Per quanto riguarda i numeri estratti di volta in volta, potete andarli a consultare direttamente in ricevitoria, oppure seguire l’estrazione in diretta tv, su Raidue, in occasione del programma “Il Lotto alle Otto”, in onda ogni sera a partire dalle ore 20 e fino alle ore 20.30. E ancora se volete sapere se siete i fortunati vincitori di una somma piccola o considerevole, vi consigliamo di consultare sempre il sito internet ufficiale delle estrazioni del Lotto.

Publicato: 2010-04-03Da: Redazione

Potrebbe interessarti

La scienza e l'arte delle creme corpo per le donne

Questo articolo approfondisce il mondo delle creme di bellezza per il corpo per le donne, esplorando metodi dermatologicamente testati, vantaggi, rischi potenziali e chiavi per comprendere le tendenze geografiche di utilizzo.

2024-06-26Redazione

L'ascesa delle creme di bellezza per il corpo maschile: vantaggi, rischi e innovazioni

Esplora il mondo in evoluzione delle creme di bellezza per il corpo maschile, descrivendo in dettaglio metodi, trattamenti dermatologicamente testati e le ultime innovazioni sul mercato. Comprendi le tendenze regionali e le migliori offerte disponibili.

2024-06-26Redazione

Esplorando il mondo delle creme di bellezza per il viso per le donne: vantaggi, rischi e ricerca emergente

Questo articolo approfondisce il regno sfaccettato delle creme di bellezza per il viso per le donne, esaminando metodi dermatologicamente testati, descrivendo dettagliatamente benefici e potenziali effetti collaterali ed esplorando nuove ricerche e tendenze di mercato.

2024-06-26Redazione

Svelare i segreti delle creme per il viso da uomo: vantaggi, svantaggi e ricerche emergenti

Scopri come le creme di bellezza per il viso per uomo stanno plasmando la moderna cura della pelle, i loro metodi dermatologicamente testati, i vantaggi e gli svantaggi, insieme a nuove e convincenti direzioni di ricerca.

2024-06-26Redazione