Bicicletta per bambini

Categoria: Archivio Bambini
Tag:
Condividi:

La bicicletta è sicuramente uno dei regali più apprezzati dai bambini. Bisogna però, scegliere quella più adatta tra i diversi modelli sul mercato e dotarsi di tutti gli accessori necessari a proteggere il bambino dalle cadute. Se decidete di acquistarne una, visitate anche i siti web proposti, ricchi di modelli, accessori e offerte.

Storia

La storia della bicicletta è molto antica. Il primo prototipo, infatti, molto diverso dalla comune bicicletta, si chiamava “draisina”, dal nome del barone tedesco Karl von Drais che la ideò circa duecento anni fa.

Si trattava, in particolare, di un tipo di bicicletta molto semplice perché priva di pedali e realizzata con ruote in ferro: per utilizzarla, infatti, si utilizzavano i piedi i quali, muovendosi alternativamente sul terreno, realizzavano una sorta di camminata veloce. Tale modello, infatti, era noto anche con il nome di “velocipede”.

La draisina del barone Karl von Drais, però, non fu l’unico prototipo illustre: tra gli altri importanti inventori, infatti, anche l’italiano Leonardo da Vinci ne realizzò un interessante modello al quale seguì, nel 1791, il “celerifero” realizzato dal conte Mede de Sivrac.

Un decisivo passo avanti dal punto di vista tecnico, fu effettuato nel 1857 con l’invenzione dei pedali: questa, però, fu soltanto la prima di tutta una serie di invenzioni che migliorarono progressivamente l’uso e la funzionalità della bicicletta.

Sempre nella seconda metà del 1800, infatti, fu ideata la pedalata posteriore, molto più comoda durante la marcia. La paternità di tale invenzione, però, è contesa da diversi uomini illustri: Alexandre Lefebvre, Jim Hurd e la coppia di inventori francesi Pierre Lallement e Ernest Michaux.

Verso la fine del Diciannovesimo secolo, poi, ulteriori miglioramenti riguardarono l’aggiunta dei pneumatici, dei cuscinetti a sfera e, nel 1869, l’inserimento della ruota con i raggi, ideata da Eugene Meyer, molto più leggera delle precedenti.

Il primo modello di bicicletta con ruote della medesima dimensione, poi, fu ideata da J.K. Starley nel 1885, l’inventore che migliorò anche il sistema di trazione posteriore inserendo la catena. La bicicletta di J.K. Starley, in particolare, prese il nome di “Rover” e si avvicina molto ai modelli contemporanei.

Tutte queste invenzioni contribuirono a rendere la bicicletta uno dei mezzi di trasporto e di svago più comuni e utilizzati a partire dal Ventesimo secolo.

Tipologie di bicicletta

La bicicletta più scenografica è sicuramente la Penny Farthing, chiamata anche Ordinaria e ideata in Inghilterra durante il 1870. Si tratta, in particolare, di quel tipo di bicicletta utilizzata ancora oggi nel circo e formata da una piccola ruota posteriore e da una ruota anteriore molto grande.

Il raggio di questa ruota, in particolare, può raggiungere anche il metro e mezzo di lunghezza. Proprio a causa dello squilibrio delle ruote, che comportava frequenti cadute del ciclista, però, tale bicicletta non si diffuse molto.

Nel 1885 fece la sua comparsa sul mercato la Safety Bike, la comune bicicletta con le ruote di uguale dimensione: la sua diffusione fu capillare e tutti impararono ad andare in bici. Alla Safety Bike seguì la bicicletta da corsa che, grazie alle ruote sottili, al manubrio curvo e alla leggerezza del telaio, divenne la più popolare tra gli sportivi appassionati di ciclismo.

Un po’ più tardi, invece, nel 1980 per la precisione, fece la sua comparsa sul mercato la Mountain Bike, la bicicletta ideale per percorrere i terreni scoscesi e i percorsi in salita. Tra le innovazioni della Mountain Bike, in particolare, ci fu l’introduzione delle marce e delle sospensioni, il telaio più rigido e robusto, le ruote larghe e il manubrio dritto.

Quest’ultimo, in particolare, consente al ciclista di avere una presa più salda e sicura durante le passeggiate sui terreni scoscesi e accidentati. La struttura particolare di questi ultimi due modelli di bicicletta, però, non riscossero la simpatia delle donne e di alcuni gruppi di persone: la Mountain Bike, in particolare, era considerata scomoda e la bicicletta da corsa troppo professionale.

I produttori di biciclette, quindi, iniziarono a realizzare biciclette da passeggio adatte all’uso comune rispolverando e modificando vecchi modelli anni Sessanta. L’attenzione, poi, iniziò a essere spostata anche sui bambini con la creazione di biciclette su misura, dotate di comode rotelline che consentono loro di avere una maggiore stabilità.

Come scegliere

Nonostante esista un metodo preciso per la scelta della giusta dimensione della bicicletta, che consiste nel misurare la distanza tra il cavallo e la caviglia, tale metodo è più adatto agli adulti: i bambini, infatti, crescono velocemente ed è importante che la loro bicicletta abbia le giuste proporzioni.

Tenendo in mente lo stesso principio, però, è possibile realizzare una tabella indicativa riferita ai bambini. Se la distanza dal cavallo alla caviglia è compresa tra i 71 e i 97 cm allora la bicicletta adatta è quella da 12 pollici; se la precedente distanza è compresa tra i 97 e i 122 cm la bicicletta più adatta è quella da 16 pollici; se, infine, la distanza è compresa tra i 122 e i 152 cm la bicicletta da scegliere è quella da 20 pollici.

Per quanto riguarda la regolazione del sellino, è importante che il bambino riesca a toccare tutto il piede a terra. Appena individuato il modello e il colore della bicicletta (la scelta varia da quelle molto colorate a quelle con pochi colori) è importante controllare la presenza dei catarifrangenti, utili in ogni occasione, delle rotelle per i bambini ancora inesperti, delle luci anteriore e posteriore e dei parafanghi.

Il cestino porta oggetti, poi, non è indispensabile, ma sicuramente piacerà, soprattutto alle bambine. Se, poi, il bambino desidera personalizzare la sua bicicletta non dimenticate di acquistare adesivi e nastrini colorati da legare al manubrio.

Se la bicicletta sarà utilizzata anche per passeggiate in montagna o fuori porta, allora è indispensabile dotarla anche di una borraccia e di tutti gli altri accessori indicati per tale attività (baschetto protettivo, abbigliamento adatto e occhiali da sole).

Se il bambino è ancora poco esperto è importante scegliere una bicicletta leggera e tradizionale: dimenticate quindi i modelli da cross per ora, perché poco stabili e adatti a ragazzi esperti.

Accessori per la sicurezza

I principali accessori per la sicurezza in bicicletta sono le protezioni per gomiti e ginocchia e il casco. Quest’ultimo, in particolare, è obbligatorio per le passeggiate in strada ma è consigliabile anche per i giri in cortile o nelle strade private.

È importante abituare il bambino sin da piccolo a utilizzare il casco, in modo che da ragazzo e adulto lo utilizzerà abitualmente e senza problemi anche sui ciclomotori. Il casco deve essere adatto alle dimensioni della testa del bambino ed essere omologato (deve avere la sigla EN1078): per questo è importante acquistarlo nei negozi di sport specializzati.

Per quanto riguarda le misure, in particolare, per i bambini intorno ai 2 anni d’età, la taglia giusta è la 47, mentre per i ragazzi di 10-12 anni è più indicata la 58. Il costo medio si aggira intorno ai 30 euro e dipende anche dalle rifiniture e dalle dotazioni, diverse da modello a modello.

È indispensabile comunque che il cinturino del casco sia sempre allacciato saldamente durante l’uso: il casco, infatti, deve essere stabile e fermo ma deve comunque consentire al bambino di poter vedere e sentire bene. In caso di urti violenti è indispensabile cambiare il casco anche se esso non presenta lesioni evidenti.

Per quanto riguarda il seggiolino, poi, esistono precise indicazioni anche in questo caso. Anche questo accessorio, infatti, deve essere omologato (deve avere la sigla EN14344) e acquistato in base al peso del bambino: per bambini dai 9 ai 15 kg, in particolare, è indicato il seggiolino posteriore A15 o quello anteriore C15; per i bambini dai 9 ai 22 Kg, invece, bisogna scegliere il seggiolino posteriore A22.

Quando si utilizza in seggiolino, bisogna allacciare le apposite cinture di sicurezza, in modo da evitare che il bambino cada o sia sbalzato fuori, e utilizzate il casco protettivo.

Se il modello di seggiolino scelto non si adatta bene alla bicicletta, allora è meglio consegnarla al rivenditore che provvederà ad adattare il seggiolino e a renderlo stabile e fermo. Per assicurare una maggiore comodità al bambino sono indicati soprattutto i seggiolini con lo schienale.

Migliori marche

Una delle marche più note di biciclette è la Bianchi, fondata nel lontano 1885 e scelta dai grandi campioni storici del ciclismo: Coppi, Pantani, Grimondi… A distanza di 125 anni dalla sua creazione, oggi l’azienda distribuisce i suoi modelli di bicicletta e i relativi accessori quasi in tutto il mondo.

Sul sito internet http://www.bianchi.com/ e possibile avere un’ampia panoramica dei modelli in vendita e dei rivenditori presenti sul territorio, ordinati in base alla provincia. Moltissimi anche i modelli per bambini e ragazzi disponibili nei marchi Bianchi, Legnano e Ducati. Ogni modello presente sul sito, inoltre, è accompagnato da una completa scheda tecnica che ne mette in luce le caratteristiche e le particolarità.

Altra marca storica è la Atala, nata nel lontano 1921 e anch’essa protagonista della storia del ciclismo. Sul sito web dell’azienda (http://www.atala.it/) è possibile sfogliare le pagine dei modelli di bicicletta in vendita e degli accessori (abbigliamento e accessori per ciclisti professionisti).

Una sezione speciale è dedicata anche all’ “home fitness”, contenente una serie di prodotti per il fitness destinati all’uso domestico. Per i bambini c’è l’apposita linea Atala Kid’z con modelli adatti a ogni età ed esigenza. Nelle relative schede tecniche è possibile anche visualizzare i modelli con gamme di colori diversi.

Molti modelli carini di biciclette per bambini si trovano anche sul sito http://www.carnielli.com/ appartenente all’omonima azienda fondata agli inizi del 1900 circa. Nella home page del sito, in particolare, cliccando su “bike”, si accede alla pagina dedicata alle biciclette, divise per macrosezioni.

Una di queste macrosezioni è “kids” e contiene tutti i modelli di bicicletta in vendita dedicati ai più piccoli. Si tratta di biciclette molto colorate e dal prezzo abbastanza contenuto, adatte a ogni esigenza (con o senza rotelle, con o senza cestino porta oggetti, ecc). Per ogni bicicletta, poi, è possibile leggere una piccola scheda tecnica.

Shopping online

Internet è un’ottima risorsa per acquistare online le biciclette anche perché spesso è possibile approfittare di sconti e offerte riservate ai clienti online.

Tra i migliori negozi online dedicati alla vendita di biciclette e, in particolare, di biciclette per bambini, c’è, per esempio, http://www.saltafoss.it, dell’omonima azienda specializzata nella realizzazione e nella vendita di biciclette e accessori dal 1965. Sul sito, in particolare, è presente un’ampia gamma di biciclette per bambini ognuna fornita di una piccola ma esaustiva scheda tecnica.

Una vasta gamma di biciclette speciali e biciclette per bambini si possono acquistare anche sul sito http://www.ciclomarketbiciclette.it/ un’azienda siciliana specializzata anche in cyclette da camera, accessori e ricambi per biciclette. Oltre ai tradizionali modelli di biciclette per bambini, in particolare, sul sito si trova anche un’ampia scelta di tricicli adatti ai più piccoli e cavallini a dondolo per giocare in casa.

Altro interessante portale online è http://www.biciclissima.com/ che contiene una vasta gamma di biciclette per bambini molto colorate e di diversi modelli. Il sito dedica un’attenzione particolare alle bambine presentando biciclette molto carine di Hello Kitty, disponibili in varie misure per bambine di ogni età. Sono molto carine, inoltre, anche quelle del marchio Bottecchia, molto colorate e complete. Sul sito è possibile trovare anche biciclette del famoso marchio Bianchi-Legnano.

Se si desidera acquistare online la bicicletta per il proprio piccolo, poi, è possibile visitare il portale http://www.toyx.it/, dedicato al mondo dei giocattoli e del divertimento. Sulla home page del sito, in particolare, nel menù a sinistra, è presenta la voce “bici & biciclette” che consente di accedere alla pagina dedicata alle biciclette per bambini.

I modelli sono davvero numerosi e divisi in base all’età del bambino in modo da facilitare la scelta. Per quanto riguarda i modelli, esistono biciclette ispirate ai comuni eroi dei cartoni animali (Winx, Dragonball, Gormiti, Cuccioli cerca amici, ecc) e persino quelle della squadra del cuore che sicuramente saranno apprezzate dai più piccoli.

Publicato: 2010-04-03Da: Redazione

Potrebbe interessarti

La scienza e l'arte delle creme corpo per le donne

Questo articolo approfondisce il mondo delle creme di bellezza per il corpo per le donne, esplorando metodi dermatologicamente testati, vantaggi, rischi potenziali e chiavi per comprendere le tendenze geografiche di utilizzo.

2024-06-26Redazione

L'ascesa delle creme di bellezza per il corpo maschile: vantaggi, rischi e innovazioni

Esplora il mondo in evoluzione delle creme di bellezza per il corpo maschile, descrivendo in dettaglio metodi, trattamenti dermatologicamente testati e le ultime innovazioni sul mercato. Comprendi le tendenze regionali e le migliori offerte disponibili.

2024-06-26Redazione

Esplorando il mondo delle creme di bellezza per il viso per le donne: vantaggi, rischi e ricerca emergente

Questo articolo approfondisce il regno sfaccettato delle creme di bellezza per il viso per le donne, esaminando metodi dermatologicamente testati, descrivendo dettagliatamente benefici e potenziali effetti collaterali ed esplorando nuove ricerche e tendenze di mercato.

2024-06-26Redazione

Svelare i segreti delle creme per il viso da uomo: vantaggi, svantaggi e ricerche emergenti

Scopri come le creme di bellezza per il viso per uomo stanno plasmando la moderna cura della pelle, i loro metodi dermatologicamente testati, i vantaggi e gli svantaggi, insieme a nuove e convincenti direzioni di ricerca.

2024-06-26Redazione