Assorbenti

Categoria: Archivio Igiene
Tag:
Condividi:

Guida all’acquisto degli assorbenti

Una volta al mese le donne si ritrovano a fare i conti con il ciclo mestruale, e per alcune si tratta di un appuntamento molto fastidioso, per non dire anche doloroso. E’ necessario vivere al meglio questi giorni, cercando di rispettare i propri ritmi naturali, senza alterarli. Ma nello stesso tempo è importante non rinunciare alle solite attività e ai piccoli piaceri. La scelta dell’assorbente "giusto" aiuta sicuramente la donna a sentirsi più sicura e tranquilla, quindi non va sottovalutata.

Tipologie di assorbenti

Esistono assorbenti esterni ed assorbenti interni. I primi sono di sicuro più usati, e di essi ci sono varie tipologie. Quelli interni sono meno utilizzati, anche se molte donne li ritengono abbastanza pratici e comodi. Sono costituiti da un tampone rivestito che assorbe il flusso senza creare ingombro, e rappresentano la scelta ideale per chi pratica sport o durante le vacanze estive, se non si vuole rinunciare a bagnarsi al mare. Naturalmente però vanno cambiati più spesso rispetto a quelli esterni, perché il tampone è più piccolo e assorbe rapidamente.

Cambiandoli spesso si evitano anche irritazioni o addirittura infezioni. Gli assorbenti esterni invece possono avere una diversa lunghezza ed uno spessore variabile a seconda dei giorni del flusso. Per i primi giorni, quelli in cui il flusso è in genere più abbondante, sono indicati gli assorbenti più lunghi e preferibilmente provvisti di alette laterali. Gli assorbenti con ali assicurano infatti una maggiore protezione, in quanto più avvolgenti e contenitivi, per evitare fastidiose macchie sui vestiti. Poi ci sono gli assorbenti adatti per la notte, più larghi che lunghi, che assicurano protezione durante le ore notturne.

Quando il ciclo sta per finire o per le perdite che possono verificarsi tra un ciclo e l’altro, si utilizzano gli assorbenti più sottili, i cosiddetti salvaslip. Ma ci sono anche gli assorbenti "ecologici", ovvero riutilizzabili perché lavabili in lavatrice. In questo modo possono durare anche fino a tre anni, evitando di comprarne altri. Gli assorbenti vanno scelti tenendo conto di una serie di fattori, anche della tollerabilità ad essi.

Ogni donna conosce il proprio corpo e di conseguenza tenderà a scegliere il tipo di assorbente che le darà maggiore sicurezza e confort, indipendentemente dal fatto che siano pubblicizzati e che siano di una marca conosciuta. La praticità ed il fatto di essere invisibili sono le caratteristiche che le donne considerano maggiormente.

Alcune marche di assorbenti in commercio

Di sicuro non ci è sfuggita la pubblicità martellante di una nota marca di assorbenti, nella quale si mostra una donna super dinamica in "quei giorni", che si getta con il paracadute o supera brillantemente un provino di danza con tanto di capovolta finale. Forse la realtà è un po’ diversa, ma lo spirito dello spot è che con l’assorbente "giusto" si può svolgere qualsiasi attività senza problemi. I Lines presentano varie tipologie per diverse esigenze.

C’è quello Seta Ultra Lungo (con o senza ali), e quello adatto anche per flussi leggeri. Se poi si desidera una maggiore protezione, allora c’è Lines Idea Notte Extralungo, che è più lungo che largo. Forse sono un po’ ingombranti e scomodi, quindi l’ideale è usarli solo durante la notte. Con i jeans attillati non ci stanno assolutamente! Ogni confezione costa 2,50 euro, ma in questo periodo di "offerte speciali" forse riuscite a trovare un prezzo più conveniente anche su questo articolo! Una iniziativa della Lines stile "baci perugina" è quella lanciata da poco sulle confezioni degli assorbenti: potete leggere consigli ed istruzioni, ed anche qualche curiosità sull’argomento: ciclo mestruale.

Forse sembrerà strano, ma non sempre si è sufficientemente informati su cose che riguardano il nostro corpo e le nostre attività più intime! Un’altra marca in commercio è "Nuvenia". L’azienda, che è sul mercato dal 1940, produce una vasta gamma di prodotti adatti per ogni esigenza. Gli assorbenti "Nuvenia" sono tutti prodotti con materiale traspirante, e con il sistema "odor control". E’ garantita la protezione da eventuali cattivi odori causati dai batteri. Un’altra marca di assorbenti la cui qualità è abbastanza buona è "Silhouette".

Ottimo anche il rapporto qualità/prezzo. La versione "Silhouette Ultra" è molto sottile, invisibile sotto i vestiti, ed è inamovibile, quindi ideale per chi pratica sport o conduce una vita molto dinamica. Molto buoni anche gli assorbenti della linea "Lycia", c’è anche la versione "You" provvista di ali. Il costo? Intorno ai 3 euro.

Gli assorbenti ecologici

Se siamo persone sensibili ai problemi ambientali, e vogliamo vivere più possibile "al naturale", oggi possiamo farlo anche attraverso la scelta di assorbenti in cotone biologico lavabile. Molte donne, provandoli, si sono rese conto della loro estrema praticità e comodità. Potremo provare i "Lunapads", in flanella e cotone biologico al 100%. Come sono fatti? Quelli per il giorno, e quindi per un flusso leggero o normale, sono costituiti da uno strato di nylon trasparente e sottile, dalla notevole capacità assorbente. Gli assorbenti ecologici "Lunapads" per la notte sono fatti da due strati sempre in cotone.

Possiamo decidere di lavare gli assorbenti in lavatrice, oppure (è consigliabile) a mano. Si immergono prima nell’acqua fredda, dopo di che si passa al risciacquo. Se non vogliamo danneggiare il prodotto evitiamo di usare candeggina o sbiancanti. Se correttamente utilizzati, gli assorbenti ecologici possono durare fino a 3 anni. Questo ci consentirà di risparmiare parecchio rispetto agli assorbenti usa e getta. E poi in questa maniera daremmo il nostro piccolo ma gradito contributo all’ambiente! Per ulteriori informazioni e per sapere come acquistare i "Lunapads" vi consigliamo di visionare il sito www.labottegadellaluna.it.

Poi ci sono anche gli assorbenti ecologici interni. A questo proposito vi segnaliamo il marchio "Natracare". Il tampone è in cotone 100%, e proviene da coltivazioni biologiche. Al momento sono in vendita su alcuni siti Internet e presso erboristerie specializzate. I tamponi sono assolutamente biodegradabili, quindi aiutiamo l’ambiente e nello stesso tempo siamo sicuri che si tratta di un prodotto non sintetico, quindi naturale. Vi pare poco? I "Natracare" si trovano nella versione normale e super. Il prezzo di una singola confezione è di circa 5,00 euro.

Il consiglio è di cambiare il tampone più spesso rispetto agli assorbenti esterni, per garantire la massima sicurezza ed evitare il rischio di perdite. Se non avete mai provato fino ad ora gli assorbenti interni, vi consigliamo di farlo. Non ve ne pentirete!

Curiosità sul ciclo mestruale

Da sempre oggetto di imbarazzo e coperto da mille tabù, il ciclo mestruale femminile ha una storia vecchia quanto il mondo. Oggi che si parla tanto di assorbenti anatomici ed ultrasottili, la televisione ci rimanda l’immagine di una donna iper dinamica che "non deve chiedere mai", che in "quei giorni" tende a nascondere. Tutto diventa invisibile, asettico, abilmente celato sotto i vestiti. Ma lo sapete che al ciclo mestruale è stato addirittura dedicato un Museo? Ed è altrettanto curioso scoprire che a farlo sia stato un uomo, altro che un’agguerrita femminista! Si tratta di Henry Finley, che ha inaugurato il MUM (Museo della mestruazione) nel 1994, all’interno della villa in cui vive.

Oggi, che a riguardo è stato creato anche un sito, si spera di poter dare al museo una più idonea collocazione. Cosa si trova in questo museo? Ovviamente tutte le notizie possibili ed immaginabili sulla mestruazione (dal punto di vista storico, medico, artistico, culturale). Ma non solo. Dal 1994 ad oggi il MUM è diventato un frequentatissimo luogo di incontro tra donne. Tra l’altro nel Museo si può visionare una galleria di immagini storiche su tamponi ed assorbenti, una raccolta dal 1900 fino ai giorni nostri. Altre curiosità che trovate nel MUM? L’inventore dell’assorbente interno con il tampone e l’applicatore è stato il dott. Earle Haas. La rivoluzionaria scoperta (che ha cambiato la vita di tante donne) è avvenuta nel 1933.

E chi è stata la donna protagonista della prima pubblicità sugli assorbenti? Si chiamava Lee Miller, e faceva la modella. Ma quando fu ingaggiata per lo spot non sapeva che si trattava di assorbenti. In Italia la prima pubblicità della Tampax risale al 1957. Ma fonti certe dimostrano che i tamponi usa e getta erano conosciuti ed acquistati dalle donne anche prima del 1957. Solo che la vendita avveniva in modo alquanto discreto, in farmacia o per posta. Retaggi culturali ne relegavano l’uso solo alle donne "poco di buono". Di certo non erano oggetti adatti alle donne ancora vergini. Nel MUM troviamo tracce di questo argomento anche nell’età antica, e nell’Egitto. Davvero interessante!

La sindrome premestruale

Il ciclo mestruale comporta effetti fisici e psicologici molto forti sulle donne, anche se alcune sono più sensibili di altre al dolore e al fastidio. Molte donne soffrono di "sindrome premestruale", che si manifesta con una serie di disturbi fisici e comportamentali circa una settimana prima della comparsa delle mestruazioni. I sintomi fisici che possono insorgere sono: tensione e gonfiore addominale, turgore e dolore al seno, leggero aumento del peso corporeo, mal di testa. Quest’ultimo viene definito dagli esperti come "emicrania mestruale". Possono comparire anche crampi e dolori alla schiena. Se si percepiscono dolori al basso ventre, essi sono provocati dal progressivo sfaldamento dell’endometrio, che si prepara ad essere eliminato.

Il consiglio da seguire se si soffre di questa sindrome è soprattutto quello di rallentare i ritmi delle giornate, ritagliandovi spesso momenti di relax solo per voi (per esempio alla sera, con la lettura di un bel libro e una tisana rilassante). Evitate emozioni troppo forti, cercate di controllare l’appetito (è scientificamente provato che la fame aumenta in questo periodo), evitate sforzi fisici intensi o allenamenti sportivi faticosi. Meglio optare per un tipo di attività fisica più "dolce", come lo yoga, per esempio. Assecondate ritmi lenti nelle attività che svolgete ogni giorno. Predisponetevi all’arrivo del ciclo mestruale nel miglior modo possibile, considerandolo come un periodo di rinnovamento (sia fisico che psichico), e non come una tortura da sopportare a tutti i costi.

Ricordate che si tratta di un momento naturale, e va accettato e vissuto come tale. Il più delle volte è la nostra mente che blocca e ostacola il libero fluire della natura in noi. E’ stato appurato infatti che il ciclo mestruale è particolarmente doloroso nelle donne più inclini ad essere nervose e stressate nella vita quotidiana. Cambiare l’approccio di sicuro faciliterà il nostro benessere nei giorni del ciclo.

Come vivere meglio "quei giorni"

Con qualche piccolo accorgimento è possibile vivere con serenità anche i difficili giorni del ciclo. Per esempio, sia prima (durante la fase premestruale) che durante è buona norma curare l’alimentazione. Nei giorni che precedono il ciclo è consigliabile eliminare gli alimenti che contengono un’alta percentuale di sodio, per esempio i formaggi e gli insaccati. Andrebbero banditi dalla dieta anche pizza, pane e biscotti. Dobbiamo invece prediligere tutto ciò che è a base di patate, riso e cereali. Nei giorni del ciclo l’organismo femminile necessita in modo particolare di Sali minerali, proteine e vitamine.

In particolare c’è bisogno di ferro, soprattutto per le donne che hanno un flusso molto abbondante. Possiamo trovare il ferro in questi alimenti: pollo, tacchino, fegato, pesce azzurro, uova, ortaggi verdi, legumi. Vanno eliminate le bevande a base di caffeina, ed anche la coca-cola. Se vogliamo prevenire crampi e dolori al basso ventre, è importante assumere magnesio e calcio, attraverso alimenti come lo yogurt magro ed il latte. In particolare, il magnesio è contenuto nelle banane, nelle sardine, nella crusca e negli ortaggi di colore verde.

Per prevenire stitichezza e gonfiore addominale ricordiamoci di mangiare molta frutta, in quanto ricca di fibre. Nei giorni del ciclo è importante inoltre curare l’igiene intima più del solito, per prevenire fastidiose infiammazioni ed irritazioni. Scegliete a questo proposito un detergente intimo a Ph poco acido, che aiuta a contrastare l’insorgere di funghi e batteri. Se le mestruazioni sono troppo dolorose (si parla allora di dismenorrea), è consigliabile rivolgersi ad un ginecologo, per individuare le eventuali cause.

Anche un’assenza prolungata del ciclo (amenorrea) richiede una visita ginecologica, poiché le cause possono essere fisiche, oppure legate a traumi psicologici. Navigando sul web, ci siamo imbattuti in un sito fatto da donne per le donne. Si chiama www.inqueigiorni.it, e contiene tutte le informazioni scientifiche e mediche riguardanti il ciclo mestruale. Ve lo consigliamo.

Publicato: 2010-04-03Da: Redazione

Potrebbe interessarti

La scienza e l'arte delle creme corpo per le donne

Questo articolo approfondisce il mondo delle creme di bellezza per il corpo per le donne, esplorando metodi dermatologicamente testati, vantaggi, rischi potenziali e chiavi per comprendere le tendenze geografiche di utilizzo.

2024-06-26Redazione

L'ascesa delle creme di bellezza per il corpo maschile: vantaggi, rischi e innovazioni

Esplora il mondo in evoluzione delle creme di bellezza per il corpo maschile, descrivendo in dettaglio metodi, trattamenti dermatologicamente testati e le ultime innovazioni sul mercato. Comprendi le tendenze regionali e le migliori offerte disponibili.

2024-06-26Redazione

Esplorando il mondo delle creme di bellezza per il viso per le donne: vantaggi, rischi e ricerca emergente

Questo articolo approfondisce il regno sfaccettato delle creme di bellezza per il viso per le donne, esaminando metodi dermatologicamente testati, descrivendo dettagliatamente benefici e potenziali effetti collaterali ed esplorando nuove ricerche e tendenze di mercato.

2024-06-26Redazione

Svelare i segreti delle creme per il viso da uomo: vantaggi, svantaggi e ricerche emergenti

Scopri come le creme di bellezza per il viso per uomo stanno plasmando la moderna cura della pelle, i loro metodi dermatologicamente testati, i vantaggi e gli svantaggi, insieme a nuove e convincenti direzioni di ricerca.

2024-06-26Redazione