Arredamento etnico

Arredamento etnico
Categoria: Archivio Casa
Tag:
Condividi:

Arredamento etnico

Stile etnico

Oggi i mobili e gli accessori etnici vengono adattati senza alcun problema ad altri di stile moderno, con risultati davvero originali. Gli ambienti arredati in stile etnico risultano essere caldi ed accoglienti, evocando nelle forme e nei colori le suggestioni di culture e tradizioni diverse dalla nostra. Inizialmente, quando questo stile rappresentava una novità per noi occidentali, abituati a forme e colori più classici, il prezzo dei mobili e degli accessori provenienti dai Paesi asiatici era abbastanza alto, anche perché si trattava di pezzi unici, e quindi abbastanza rari.

Oggi il mercato dell’arredamento in generale, e quello etnico in particolare, ha subito un ridimensionamento per quanto riguarda i prezzi al pubblico. Per questo i mobili etnici sono diventati accessibili a tutti, ed è più facile trovarli nelle nostre case, ad abbellire un angolo o stanze intere. Nonostante l’era della globalizzazione che stiamo vivendo, sempre più persone scelgono di valorizzare oggetti provenienti dal resto del mondo, che raccontano la storia di popoli lontani, tutt’ora legati a forme di sostentamento, quali l’artigianato.

Scegliere un arredamento dallo stile etnico significa, per molti, optare per mobili e accessori assolutamente unici e irripetibili. Chi vuole essere originale e personalizzare la propria casa, opta senz’altro per uno stile di questo tipo. C’è anche chi opta per l’inserimento di uno o due pezzi etnici nel contesto classico/moderno del proprio arredamento. Ecco allora che si sceglie un portacandele intarsiato, un mobile di legno indonesiano, un centro tavola, una stoffa batik che impreziosisce la testata del letto.

Gli spunti sono davvero tanti, e ognuno è libero di scegliere gli accostamenti più giusti a seconda dei propri gusti personali. Anche la scelta della provenienza dei mobili è importante. Ogni Paese, infatti, tende ad avere uno stile diverso. Rivolgendovi ad un rivenditore esperto, saprà consigliarvi al meglio fornendovi informazioni utili per una scelta azzeccata.

Mobili etnici

Nella categoria “mobili etnici” si è soliti raggruppare pezzi diversi, che variano a seconda del Paese in cui vengono acquistati, e del periodo nel quale si è effettuato l’acquisto stesso. Se per esempio pensiamo all’arredamento cinese, ci vengono subito in mente le sedie grandi e decorate, gli armadi utilizzabili come credenze, i paraventi in seta impreziositi da ricami ed intarsi. Diversi tra loro per lo stile e i materiali utilizzati sono i mobili provenienti dall’Indonesia, oppure dal Nepal.

In genere il materiale più usato dagli artigiani locali per costruire mobili ed utensili è sempre il legno. Ne esistono varie tipologie: l’huali è di colore rosso, e presenta alcune striature scure; lo jumo è un tipo di legno chiaro, che si adatta bene ad essere modellato, a causa della sua consistenza; lo zhagmu è un legno piuttosto resistente, e adatto in maniera particolare per la costruzione di bauli o armadi di diverse dimensioni; l’olmo del Nord è un tipo di legno che si coltiva in Cina, ed è uno dei più pregiati.

O ancora: il jichimu è un legno molto antico, che presenta bellissime venature di colore marrone; lo Zitan è un legno di origine indocinese, abbastanza raro, che sembra laccato, ed ha sfumature nere e viola. Il Songmu è un tipo di legno molto utilizzato in passato dagli ebanisti, per la realizzazione di armadi robusti e resistenti nel tempo. Lo Shaanxi è molto simile al mogano, quindi esteticamente bello da vedere. Prima di acquistare dei mobili, è necessario informarsi circa la loro provenienza e sulla qualità del materiale utilizzato.

In genere queste tipologie di legno non necessitano di cure e trattamenti particolari, poiché sono resistenti. Eventuali segni o difetti ne aumentano il fascino, dando loro un’aria “vissuta”. E’ da tenere presente che questi oggetti vengono trasportati nei container per molti chilometri, e quindi può capitare qualche piccola ammaccatura.

Oggetti di artigianato etnico

Nei paesi asiatici ed africani l’artigianato è molto sviluppato, ed è ancora una delle principali fonti di sostentamento di tali popoli. I mobili etnici in genere vengono realizzati da artigiani ed operai del posto, quindi assumono un valore di sicuro maggiore, rispetto a quelli prodotti con i sistemi di lavorazione industriale. In questi Paesi il lavoro artigianale si tramanda da una generazione all’altra, e di segreti della lavorazione vengono gelosamente custoditi.

E’ possibile, ovviamente, trovare delle imitazioni provenienti comunque da tali luoghi, ma in questo caso il prezzo è molto inferiore rispetto a quello dei pezzi originali. Oltre ai mobili, una casa arredata con stile etnico presenta una serie di oggetti e suppellettili che contribuiscono a creare un’atmosfera magica che ricordi questi luoghi lontani. Si possono acquistare cuscini da rivestire con preziose stoffe, per esempio quelle cinesi, che in genere si presentano con colori molto accesi e vivaci.

Anche le lampade realizzate con carta di riso, intarsiate con vari disegni, rendono più calde ed accoglienti una stanza. Sono perfette, per esempio, in camera da letto, o nella stanza dei bimbi. La provenienza di tali lampade è l’Indonesia. Gli oggetti in stile etnico utilizzano anche le pietre dure, come la giada, che può assumere diverse colorazioni. Per i Cinesi questa pietra significa protezione dalle influenze negative. Un altro materiale parecchio utilizzato per costruire utensili e monili è l’avorio.

Anche gli oggetti realizzati con la lacca (un materiale che si trova in Paesi quali la Cina e il Giappone) sono molto particolari, lucenti e parecchio resistenti. In genere con le lacche si ricavano scatole di varie dimensioni. Le lampade e gli applique in legno, di provenienza indonesiana, sono perfetti per arredare ambienti rustici, come tavernette e case in montagna. E per rendere particolare una stanza anonima, basta un pannello in batik e il gioco è fatto. Il batik è una tradizionale forma pittorica indiana che ancora stupisce per i suoi favolosi effetti.

Produttori arredamento etnico

Qui di seguito vi forniamo un elenco (non certo esaustivo) di aziende che operano nel settore dell’arredamento etnico. Queste aziende si occupano di vendita all’ingrosso e al dettaglio di mobili etnici che provengono da Paesi asiatici. Cominciamo da una giovane azienda, che si chiama “Etnik”, specializzata nell’importazione di mobili etnici in stile coloniale. I mobili in vendita provengono specialmente dalla Thailandia e Indonesia, in quanto è qui che avviene la produzione e la lavorazione del legno.

Disponibili in questa azienda anche le lampade, quadri e oggettistica varia. Per saperne di più circa mobili e oggetti di questa azienda, consultate il sito www.etnik.it. Un’azienda più “datata”, presente sul mercato dell’arredamento dal 1978, è “Cobebro” (www.cobebro.it). Tale azienda presenta una gamma vastissima di articoli, ed è possibile anche ordinare lavori su commissione. “Cobabro” è specializzata nell’attività di restauro di mobili etnici e oggetti di antiquariato.

Si possono consultare i cataloghi per avere un’idea delle interessanti proposte adatte ai gusti più diversi. L’azienda “Aladdin” sceglie accuratamente i mobili provenienti da vari paesi, quali la Thailandia, ma anche l’India, il Marocco e il Nepal. I mobili etnici di questa azienda hanno un ottimo rapporto qualità/ prezzo, per questo motivo sono accessibili a tutti.

Volete conoscere qualcosa in più sull’azienda? Consultate il sito www.aladdin.it. L’azienda “Arredare senza confini” garantisce un’ampia scelta di prodotti artigianali e mobili etnici di elevata qualità. A questa azienda parecchio affermata si rivolgono anche molti collezionisti, che prediligono tappeti, ceramiche e oggetti ornamentali. Se poi avete bisogno di una consulenza che vi aiuti ad arredare al meglio i vostri ambienti, “Arredare senza confini” vi assicura un team di esperti in questo settore.

Il sito è: www.arredaresenzaconfini.com. E per finire, l’azienda “Lacumbia”, che vanta una notevole esperienza nell’importazione di mobili ed oggetti etnici dal Sud America (in particolare, dalla Colombia). Tale azienda lavora anche su commissione, realizzando mobili su misura, così da poter soddisfare la più vasta clientela possibile. Davvero belli gli oggetti come candele e tappeti, che servono a completare l’arredamento. Il sito aziendale è: www.lacumbia.it

Dove acquistare mobili etnici

Ormai i mobili etnici, come l’oggettistica, sono presenti in qualsiasi negozio di arredamento. Vi sarà sicuramente capitato di ammirare mobili in teak, salotti in midollino o in banano. Bè, sappiate che la maggior parte di questi mobili proviene proprio dai paesi asiatici o africani, e fanno la loro bella figura all’interno delle nostre case. Ma anche il web ci dà una mano, se stiamo cercando i rivenditori più vicini.

Il portale www.arredamentoetnico.org comprende una serie di aziende e rivenditori di mobili etnici in tutta Italia. Scorrendo le pagine di questo sito, troverete anche preziosi consigli per arredare in stile etnico le singole camere della vostra casa (per esempio la camera da letto). Un altro sito molto interessante al riguardo è www.abakab.com, che è un vero e proprio portale etnico a 360°. Non trovate soltanto mobili ed oggettistica proveniente da vari Paesi del mondo, ma anche la segnalazione di ristoranti dove poter trovare cucina etnica ed eventi particolari.

Anche i negozi di arredamento moderno hanno pezzi ed oggetti in stile etnico, perché l’hi-tech può ben coniugarsi con l’arredamento etnico, ovviamente con gli opportuni accorgimenti. Sempre più persone decidono per esempio di arredare uno studio in stile etnico, puntando su mobili dalle linee moderne. Presso gli ipermercati ci sono negozi specializzati in arredamento etnico. Solo che è importante conoscere le differenze tra un Paese e l’altro, poiché cambia anche lo stile.

Prima di acquistare tali mobili, è opportuno raccogliere qualche informazione in più circa la loro provenienza. In genere questi mobili, che vengono lavorati nei paesi di origine, possiedono una certificazione che ne attesta l’originalità. Chiedete al rivenditore di mostrarvela, o comunque di darvi qualche garanzia in questo senso. Dalla provenienza dipendono anche, ovviamente, i prezzi di vendita al pubblico. Presso i negozi specializzati è possibile anche richiedere una consulenza su come sistemare tali mobili negli ambienti in cui si decide di porli.

Mobili africani e tibetani

I mobili e gli oggetti che provengono dall’Africa hanno uno stile inconfondibile. Questo Paese è affascinante per il suo paesaggio e le tradizioni degli abitanti, che continuano ad essere tramandate di generazione in generazione. I turisti che visitano l’Africa restano abbagliati dalle forme e dai colori dei monili e dei gioielli venduti per pochi soldi nei variopinti mercatini, che si tengono nei villaggi. Ogni oggetto è assolutamente unico, e rappresenta la storia intera di un popolo, quello africano. Qui in Italia è facile rintracciare negozi di artigianato e arredamento africano.

Lo stile dei mobili provenienti dall’Africa è molto semplice e lineare, il materiale utilizzato in genere è il legno. State comunque attenti alle imitazioni! Molto particolari i tavolini bassi e le sedie in legno scuro, che si abbinano ad ambienti classici e moderni. L’artigianato tibetano, invece, si basa soprattutto sulla produzione di statuette in bronzo, legno e altri materiali. La raffigurazione più utilizzata è quella del Buddha che, aldilà del simbolismo religioso, sta a rappresentare l’identità del Tibet stesso.

Gli oggetti tibetani più acquistati da noi occidentali sono gli incensi profumati e le candele. Ma anche i tappeti fatti a mano con seta e lana d’angora sono molto apprezzati, e li troviamo spesso come abbellimento nelle nostre case. I mobili tibetani sono in genere robusti e massicci, e di ottima qualità. Proprio per questo vanno “alleggeriti” con suppellettili ed oggetti di artigianato che rendano l’ambiente più accogliente.

Anche in questo caso, verificate sempre che i mobili siano autentici (controllate i sigilli), per essere certi di aver fatto l’acquisto giusto. Un ultimo consiglio: non create commistioni tra i vari stili, perché il risultato potrebbe essere un’accozzaglia di materiali e oggetti di diversi Paesi, il che non è piacevole a vedersi. Meglio optare per pochi pezzi, ma tutti rigorosamente provenienti dallo stesso Paese, in modo che gli occhi non percepiscano un’immagine di disordine e caos.

Publicato: 2010-04-03Da: Redazione

Potrebbe interessarti

La scienza e l'arte delle creme corpo per le donne

Questo articolo approfondisce il mondo delle creme di bellezza per il corpo per le donne, esplorando metodi dermatologicamente testati, vantaggi, rischi potenziali e chiavi per comprendere le tendenze geografiche di utilizzo.

2024-06-26Redazione

L'ascesa delle creme di bellezza per il corpo maschile: vantaggi, rischi e innovazioni

Esplora il mondo in evoluzione delle creme di bellezza per il corpo maschile, descrivendo in dettaglio metodi, trattamenti dermatologicamente testati e le ultime innovazioni sul mercato. Comprendi le tendenze regionali e le migliori offerte disponibili.

2024-06-26Redazione

Esplorando il mondo delle creme di bellezza per il viso per le donne: vantaggi, rischi e ricerca emergente

Questo articolo approfondisce il regno sfaccettato delle creme di bellezza per il viso per le donne, esaminando metodi dermatologicamente testati, descrivendo dettagliatamente benefici e potenziali effetti collaterali ed esplorando nuove ricerche e tendenze di mercato.

2024-06-26Redazione

Svelare i segreti delle creme per il viso da uomo: vantaggi, svantaggi e ricerche emergenti

Scopri come le creme di bellezza per il viso per uomo stanno plasmando la moderna cura della pelle, i loro metodi dermatologicamente testati, i vantaggi e gli svantaggi, insieme a nuove e convincenti direzioni di ricerca.

2024-06-26Redazione